COBASPEZIA IL BLOG

cobas del lavoro privato

Corsie gialle, la nuova ondata in via Assarotti spunta il cordolo.

Tratto da la Repubblica di Genova. 20-12-2012

L’AMT è a rischio, Trenitalia ha ridotto il servizio, ma il Comune non si arrende e lavora di cesello sulla viabilità per privilegiare il trasporto pubblico: avanti quindi con le corsie gialle, che conquistano un chilometro diviso in cinque tratti brevi, ma essenziali, oggi altrettanti imbuti per i mezzi pubblici.
Il tempo di tracciarle, poi entreranno in funzione in via Cadorna, in direzione Levante, sulla seconda corsia lato mare (verrà poi realizzata un’isola di fermata), in via Tolemaidepiazza delle Americhe (due rami in prossimità del semaforo), al centro di corso Saffi (discendente da dopo il semaforo post curvone) e in via Voltri (tra la fine di quella di via Prà e l’incrocio con via Buffa). Saranno poi riorganizzate le fasce orarie: oggi sono addirittura dieci e diventeranno solo quattro (alcune 24 ore su 24, altre con inizio alle 6.30).
L’intervento sulle corsie gialle rappresenta per altro solo il primo pezzo, anche se il più importante, del pacchetto di misure sulla mobilità messo in campo dal Comune di Genova. “Non ci arrendiamo  –  dice l’assessore alla viabilità, Simone Farello  –  per noi il trasporto pubblico resta il sistema di mobilità da privilegiare, e le corsie gialle vanno proprio in questa direzione. Lo dimostrano anche i dati delle multe su quelle controllate da telecamere: dopo i primi tempi il loro numero è sceso; significa che le corsie sono rispettate”.
E sempre nell’ottica di far rispettare le regole verrà introdotta anche un’importante novità in via Assarotti: una cordolatura che dividerà i sensi di marcia da piazza Corvetto fino all’incrocio con via Peschiera, in modo da rendere impossibile la pratica, oggi molto diffusa, delle auto posteggiate abusivamente sul marciapiede che intasano la circolazione. Due le corsie discendenti, una in salita.
Nelle prossime settimane l’Elsag, che ha vinto la gara, installerà in via sperimentale i semafori “intelligenti” sull’asse via Bobbio-via Canevari: dovranno scattare sul verde all’avvicinarsi dei bus, la cui presenza verrà segnalata tramite l’attuale Sistema di monitoraggio satellitare. Se tutto funzionerà è prevista l’estensione ad altri cinque assi protetti.
Partono infine dal 30 gennaio i primi due parcheggi di interscambio, in piazzale Marassi e a Molo Archetti (Pegli), da 150 e 130 posti: i titolari di abbonamento annuale Amt potranno posteggiare gratuitamente per tutta la giornata, gli altri potranno farlo sempre per tutta la giornata e avere anche un biglietto del bus valido fino alla mezzanotte pagando sei euro. Il tutto funzionerà mediante un sistema elettronico di lettura delle targhe e la tessera Belt per l’abbonamento. Entro la fine dell’anno altri due posteggi di interscambio nasceranno in piazzale Kennedy e sulla fascia di rispetto di Prà.

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: